Rivestimenti effetto metallico, ritorno al tradizionale

By - Antonio
25 maggio 2017
Comments off.

Le ultime tendenze della moda per quanto riguarda l’interior design, avallate dalle più illustri riviste del settore, vedono il ritorno della tradizionalità di altri tempi, sapientemente contestualizzata nell’epoca attuale, con materiali e tecniche decorative di ultima generazione. I due esempi più lampanti di questo ritorno alle origini, reinventato e riadattato all’odierno, sono l’effetto metallico e le superfici tattili.

Finiture effetto metallico: cosa sono
L’effetto metallico sta riscuotendo grande successo, apprezzamento e popolarità per quanto riguarda, soprattutto, l’arredo del bagno. Si opta sempre più spesso per rivestimenti in piastrelle di ceramica in colori metallizzati o che ricordino fortemente un metallo puro: ad esempio piastrelle color rame, color oro invecchiato oppure oro rosa. La ceramica, materiale di inopinabile valore e resa estetica, è quella che meglio si presta a questo tipo di tecnica pittorica, in quanto garantisce un risultato molto simile all’originale, permettendo anche splendidi effetti in contrasto lucido/opaco. L’effetto metallico può essere anche usato per creare giochi di sfumature e composizioni cromatiche, con l’alternanza di piastrelle dorate e brillanti ad altre anticate. Le composizioni possibili sono infinite e l’effetto è di grande impatto: una stanza valorizzata con finiture metalliche assume un’aria di eleganza intramontabile, di raffinatezza di altri tempi, senza perdere in funzionalità e bellezza moderna.

Superfici tattili: cosa sono
Un’altra tendenza che sta prendendo piede in modo sempre più importante è quella della creazione di superfici tattili. La ceramica, in questo caso, diventa protagonista assoluta della stanza e non solo un materiale di rivestimento discreto e di contorno. Le piastrelle vengono posate a creare volumi ed effetti tridimensionali, dando vita ad illusioni ottiche di movimento ed invitando lo spettatore a passare la mano su di esse, per godere della sensazione che le onde, le increspature e gli incastri asimmetrici regalano, insieme alla freschezza liscia della ceramica di ottima fattura. L’obiettivo della superficie tattile è quella di creare contrasti, non solo strutturali ma anche di colore: per questo può venire abbinata alla tecnica del metallizzato, per valorizzare ancora di più il disegno tridimensionale che si crea sulle pareti. Scegliere di rivestire il proprio bagno, per esempio, con una superficie tattile in ceramica, concederà la realizzazione di un ambiente unico, ricco di personalità ed originalità.

Estetica post-moderna
I canoni estetici dell’interior design dei nostri tempi si basa, tendenzialmente, sulla rivisitazione dell’eleganza classica, tipica di un altro secolo. Tornano in voga, adeguatamente modernizzate per inserirsi armoniosamente negli appartamenti svelti e colorati degli anni Duemila, le pavimentazioni a mosaico, con disegni formati da piccole piastrelle, inseriti come decorazione in una superficie monocromatica o funzionalizzata in stile passerella. Un altro trend che ritorna è quello delle pareti piastrellate con minuscole formelle in ceramica, geometriche e colorate, un lavoro certosino di precisione ed abbinamento di colore, sostenuto da buongusto e raffinata sobrietà, con quel tocco audace di tinta o rifinitura azzardata che trasforma un’antica arte artigianale in una nuova moda, tra le più innovative del momento.

Comments

comments