Agriturismo Cella di Montalto

By - Antonio
23 ottobre 2017
Comments off.

Situato a Montalto Pavese in un ambiente dove sono predominanti i vigneti dei vitigni Bonarda e Riesling, e vicino ad un castello a due torri, l’agriturismo Cella di Montalto, è un luogo ideale per immergersi in un angolo di paradiso, dove si può godere di un sano relax ma anche per effettuare una serie di attività e scoprire le bellezze delle molte località dell’Oltrepò Pavese che si trovano a poca distanza.

Molti clienti che hanno soggiornato in questo agriturismo, hanno iniziato a definirlo, in modo simpatico, “l’agriturismo in rosa”, per le molte donne che si occupano della sua conduzione. L’azienda agricola al cui interno si trova l’agriturismo è di proprietà, ormai da tre generazioni, della famiglia Canegallo, che oltre all’attività di ospitalità e ristorazione, si occupa anche di varie coltivazioni, sia di prodotti della terra come mais, grano, erba medica ed orzo, oltre che dei vigneti, e di allevamento di animali come I maiali, I vitelli ed una serie di animali da cortile. Tutto questo contribuisce anche a rendere migliore la cucina che viene proposta agli ospiti, sempre con prodotti di grande qualità. I clienti dell’agriturismo, grazie a questo tipo di conduzione, a carattere totalmente familiare, riescono a sentirsi come “a casa propria”.

La posizione dell’agriturismo, che si trova ad una altezza di 300 metri s.l.m. ed in mezzo alle colline, permette di godere di un clima fresco e ventilato, ed inoltre di poter raggiungere in pochissimo tempo delle località vicine come Fortunago, oppure il Santuario Torricella Verzate od il Castello di Montesegale. L’Oltrepò Pavese è senza dubbio una terra che mescola insieme storia e fascino del paesaggio, con molteplici santuari, chiese e castelli, oltre alle incantevoli colline.

L’escursione al borgo di Montesegale, dove si trova l’omonimo castello permette di immergersi nelle tradizioni contadine di questo borgo, da tutti conosciuto come la “Città del Pane”, tradizioni ancora oggi conservate con fierezza dagli abitanti, e che vanno da quelle artigianali a quelle gastronomiche. L’imponente cinta muraria del castello mostra sia le merlature che I “corpi di fabbrica”, che la caratterizzano, insieme ad una rocca ed una torre che si pensa siano state erette su precedenti fortificazioni. Al suo interno, istituita nel 1985, una galleria d’arte in cui si trovano esposte permanentemente opere di artisti come Gattuso, Crippa, Brindisi, Schifano e Bartolini.

Il “Santuario Della Passione” si trova a Torricella, e sorge sopra un colle roccioso. E’ uno dei santuari più antichi della zona ed è dedicato alla Natività della Vergine; caratterizzato da un vasto sagrato, comprende molte cappellette e presenta anche delle statue di stile barocco realizzate a grandezza naturale che rapprresentano le stazioni della “Via Crucis”. Al suo interno anche una “Scala Santa”, sotto la quale si narra sia stata collocata terra proveniente dalla Palestina e portata sin qui dai templari.

Il borgo di Fortunago, di origine celtica, è nell’elenco dei “Borghi più belli d’Italia”, grazie alla sua atmosfera che porta a compiere un tuffo nel passato, grazie alle case con le facciate in pietra “a vista”, le panchine realizzate in legno, le stradine con mattonelle in porfido, il verde pubblico diffuso, e la sua chiesa parrocchiale che risale al Cinquecento. All’interno del borgo di Fortunago si trova anche una sorgente di acqua minerale.

Presso l’agriturismo Cella di Montalto I clienti trovano, immersa nel verde, la “Casetta nel bosco”, costruita interamente in legno, a cui fanno da corona le acacie e la lavanda. La casetta è estremamante romantica, illuminata grazie a piccole lanterne e oltre che sentire il canto dei grilli e quello degli uccellini nelle prime ore del mattino, si possono osservare, nelle sere dei mesi di maggio e giugno, anche le lucciole. Sulla piccola terrazza si può gustare una prelibata colazione, che comprende tutte specialità della casa, prodotte con alimenti coltivati nell’azienda agricola. Le proposte variano dalle crostate con marmellata, alla ricotta, al miele, da gustare con latte caldo ed un ottimo caffè, fatto assolutamente con la “moka”.

Nei pasti viene servito del Pinot Nero o della Bonarda, oltre a piatti di carne sia di maiale che di vitello, allevati all’interno dell’azienda, e pasta fatta in casa, oltre a salumi come il salame, la pancetta e la coppa. Per I clienti c’è anche la possibilità di acquistare questi prodotti, così come I dolci, dalla torta di mele, alla crostata di albicocche, alla torta di nocciole, con la certezza della preparazione con il grano coltivato in azienda e con le uova delle galline “allevate a terra”.

Presso l’agriturismo si possono prenotare anche delle settimane di vacanza per I bambini, limitatamente ai mesi di giugno e luglio, durante le quali I piccoli ospiti potranno vivere esperienze della vita giornaliera in una fattoria, a contatto con gli animali, ma anche con le coltivazioni dell’orto e misurandosi anche con prove di cucina. Oltre a questo anche sport vari tra I quali il nuoto e l’equitazione, presso il centro ippico Cella di Montalto.

Condividi con i tuoi amici

Comments

comments